Volevo vivere come CandyCandy…

Racconti di vita in un caos organizzato

Perché c’è una CandyCandy in ciascun* di noi…

Lascia un commento

candymini

“TERENCE! TEEEEREEEENCEEEEE!!!!!!!”

Ho il ricordo di CandyCandy (che non starò a presentare, chi non la conosce??? Ma per i/le poch*, basta andare, per esempio, qui: http://it.wikipedia.org/wiki/Candy_Candy) che, appoggiata ad un molo, chiama il suo amato che svanisce su una nave nella nebbia… Magari questa scena non esiste, ormai sono passati un… po’… di anni, ma se non esiste ESATTAMENTE così, ce ne sono certamente migliaia di simili: in fondo, per metà della serie, Candy piange, rincorrendo Terence.

Quello che conta è che, guardando quella scena (sempre che esista, appunto…), tra me e me, giovine fanciullo appena entrato nell’adolescenza e nei bollori che la contraddistinguono (e no, non sto pensando a QUEL GENERE di bollori, birichin* che mi state leggendo… mi riferisco proprio al sommovimento che caratterizza ogni parte della vita adolescenziale, dai brufoli, ai primi peli, alle paturnie esistenziali, ecc ecc), pensavo: “Come vorrei avere anch’io una vita avventurosa come quella di Candy!”

Piccolo ingenuo! Ancora non conoscevo il detto degli antichi, che recita più o meno “Attento a ciò che chiedi, perché gli dèi potrebbero concedertelo”… Appunto: ecco il perché di questo spazio. No, non voglio raccontarvi la storia di CandyCandy, ma se è venuta voglia a Dante “nel mezzo di cammin di (sua) vita” di scrivere, perché non dovrebbe venire anche a me? Che sono, meno di Dante?!

Avrei voluto scrivere un libro, ma… chi ne ha voglia, in fondo? Richiede troppo tempo, dedizione e regolarità, tutte cose che io non ho (sono un simpatico Bilancia, amante della pigrizia in tutte le sue svariate forme); senza contare lo sbattimento del cercare un editore, con conseguenti porte sbattute in faccia, delusioni, amarezze e chi più ne ha più ne metta (l’ottimismo non è una delle mie virtù, se non si fosse capito).

Ecco invece la meravigliosa opportunità di un blog: lo legge chi vuole, magari nessuno, ma intanto io ci posso scrivere su, affidandovi quello che voglio, quando voglio, come voglio… Insomma, totally freedom! Ergo, questo spazio nasce con l’intento di raccontarmi, per fare un po’ il punto della situazione a 45 anni (sarà un effetto della crisi di mezza età, suppongo! Brutta bestia l’andropausa), e magari far ridere un po’ qualcun*.

Benvenuto blog, vediamo quanta strada faremo insieme…

Autore: hygbor

Lettore compulsivo di fumetti, utente compulsivo di tecnologia, curioso compulsivo di luoghi/ persone: solo x il lavoro non ho particolare interesse compulsivo! Nato il 15/10/1968, per citare il titolo di un film "Una Splendida Annata"! Sono stato adottato, ho scoperto di essere gay, ho vissuto in convento come frate cappuccino per 11 anni... Diciamo che non mi sono annoiato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...