Volevo vivere come CandyCandy…

Racconti di vita in un caos organizzato

Amarcord: Brexit

Lascia un commento

Da bambino per anni sono andato al mare con mia madre a Bellaria-Igea Marina. Mio padre lavorava presso quella che allora si chiamava A(zienda)E(nergetica)M(unicipale) di Torino, attualmente IREN, e che, come spesso capitava all’epoca con realtà statali o parastatali, aveva delle convenzioni con alberghi per i propri dipendenti e/o colonie estive per i loro figli. OVVIAMENTE i Borgialli non potevano mandare LORO FIGLIO in una colonia estiva, perché LORO FIGLIO non poteva mischiarsi con gli altri (versione paterna) e non poteva stare tanto tempo da solo lontano dalla famiglia (versione materna). Ergo noi, ovvero mia madre ed io, perché come ho scritto precedentemente mio padre, che detestava il mare, si limitava ad accompagnarci, poi tornava a casa e veniva dopo 2 settimane a riprenderci, andavamo ogni anno nella suddetta località presso un albergo, La Pineta, tuttora esistente, col cui nome ogni singolo anno mio padre giocava, pensando di raggiungere vertici elevatissimi di spiritosaggine, dicendo “Porto la Pinota (la piccola Pina, ovvero mia madre) alla Pineta!”. E giù a ridere. Cosa non fa dire l’amore…

Fin da piccolo, quindi, quella era la meta delle mie estati, insieme con la colonia montana sempre aziendale, dove però era mio padre ad avere il ruolo di gestore (quindi ero sotto la sua supervisione e non in mano a sconosciuti) ed, essendo invece odiata da mia madre perché (e cito testualmente) “C’è troppo vento e appena esco di camera sono subito tutta spettinata!”, i ruoli si invertivano, ovvero restavo con mio padre, mentre se ne rimaneva a casa mia madre.

Ma torniamo alla realtà marina. Fin da piccolo, come ho già raccontato precedentemente, ero affascinato da tutto ciò che ai miei occhi aveva un non so che di magico, e la tecnologia rientrava in questa categoria. Il mio amico più grande dell’albergo, quindi, era l’ascensore.

L’idea di schiacciare un pulsante, vedersi chiudere una porta, sentire le farfalle nella panci(n)a e ritrovarsi ad un piano diverso era un’esperienza per me meravigliosa, e fosse dipeso dal sottoscritto avrei trascorso tutte le 2 settimane facendo su e giù in quell’aggeggio. Chiaramente, come sappiamo, anche a 3-4 anni sapevo già leggere e distinguere i numeri, quindi di solito non avevo problemi ad essere autonomo, ed essendo dotato di un ottimo senso dell’orientamento non mi perdevo nemmeno quando dovevo ritrovare la camera, in quei corridoi in cui tutte le porte sembravano uguali.

Fino a quel giorno. Dovevo salire in camera da mia madre, non ricordo perché non fossi con lei, entrai quindi nel fido ascensore, schiacciai il mio pulsante, uscii dalla porta, mi diressi verso la camera, aprii senza bussare (perché avrei dovuto? Era la MIA stanza) ed entrai. Nella MIA camera c’erano una donna ed un bambino, che avrà avuto la mia età o forse un anno in più. La signora cominciò a parlare in tedesco, in modo abbastanza concitato, ed ovviamente io non ci capivo nulla. Quindi mi rivolsi all’unica persona che ritenevo avrebbe potuto ragionare in modo intelligente e capire che erano nella camera sbagliata, il figlio.

“Questa è la mia camera, dov’è la mia mamma?” “(Parole incomprensibili)” “Ma no, sono sicuro che questa è la mia camera, la porta è quella giusta” “(Parole incomprensibili)” “Ah… Quindi secondo te sono sceso al piano sbagliato?” “(Parole incomprensibili, ed indica per terra)” “E’ vero… il pavimento è diverso da quello della mia stanza… salgo un piano… Ciao” “(Parole incomprensibili, saluto con la manina e sorriso)”.

Salii al piano superiore, e ritrovai camera e madre, alla quale non dissi nulla perché sapevo che il rivelarle di avere sbagliato piano mi avrebbe precluso per sempre l’uso indipendente dell’ascensore (che adesso sarebbe comunque vietato ai bambini non accompagnati, ma allora non si andava tanto per il sottile).

Che c’entra tutto questo col titolo? C’entra perché questo episodio mi è tornato in mente quando, un paio di mesi fa, è successo tutto il casino che ben conosciamo a proposito del referendum sulla Brexit e sui suoi esiti. Ed ho pensato che il vero, grande problema dei bambini è che, col tempo, diventano adulti. Purtroppo.

Autore: hygbor

Lettore compulsivo di fumetti, utente compulsivo di tecnologia, curioso compulsivo di luoghi/ persone: solo x il lavoro non ho particolare interesse compulsivo! Nato il 15/10/1968, per citare il titolo di un film "Una Splendida Annata"! Sono stato adottato, ho scoperto di essere gay, ho vissuto in convento come frate cappuccino per 11 anni... Diciamo che non mi sono annoiato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...