Volevo vivere come CandyCandy…

Racconti di vita in un caos organizzato

Annus horribilis – Parte terza

2 commenti

Gressoney_Saint_Jean_62_l

Con il famoso gruppo dell’oratorio quell’anno si decise di trascorrere Capodanno presso la casa alpina della diocesi di Ivrea, la Gino Pistoni a Gressoney. Una cosa breve: partenza il 30 dicembre e rientro il 3 gennaio, che per me sarebbe stata ancora più ridotta, in quanto, per qualche impegno familiare che non ricordo, sarei venuto via anticipatamente il giorno prima. Ma, se non altro, mi sarei risparmiato il rito che da sempre veniva consumato in quell’occasione, ovvero di trascorrere l’ultimo dell’anno mangiando come bovi presso una famiglia di amici, per rientrare a casa alle 00.05. Se c’era un’occasione in cui mi volevo risparmiare finti sorrisi ed il millantare che andasse tutto bene, era proprio quella.

Partimmo, quindi, allegramente (quantomeno i miei amici, io un po’ meno), armati di doposci (Gressoney è una nota località turistica invernale), giacconi, petardi ed eleganti abiti da sera per la festa del 31 dicembre, almeno per quello che era considerato il livello di eleganza della fine anni ’80, quindi in realtà agghiaccianti. C’era tutto il caravanserraglio descritto in altri post (“Amici miei – parte prima, seconda, terza”) ed oltre, perché si erano aggregati anche molti di quelli che frequentavano l’oratorio con minore assiduità di noi.

Trascorremmo l’ultima giornata dell’anno prendendo il sole per tentare di non avere un colorito più idoneo ad Halloween che al Capodanno (…ma io pensavo rabbiosamente ai miei genitori…), facendo un po’ di sci, chi di pista chi, impedito come me, di fondo (…ma io pensavo rabbiosamente ai miei genitori…) ed, arrivata la sera, preparandoci per il cenone (se di cenone possiamo parlare in una casa alpina gestita dalla diocesi… ma vabbè) ed agghindandoci a festa, quindi trattandosi della fine anni ’80 sempre in maniera agghiacciante (…ma io pensavo rabbiosamente ai miei genitori…). Lo ammetto: non conservo nessun ricordo chiaro di quella serata; ho vaghi barlumi di fuochi d’artificio che illuminavano la neve, mentre noi tentavamo di far partire i nostri petardi mezzi congelati (…ma io pensavo rabbiosamente ai miei genitori…); di brindisi e baci scambiati, con qualcuno che veniva preso in giro, e qualcunaltro che infilava la lingua in bocca al/alla fidanzato/a del momento (…ma io pensavo rabbiosamente ai miei genitori…); di giochi di società, o forse di balli, il ricordo è ancora più confuso (…ma io pensavo rabbiosamente ai miei genitori…); ma in tutto ciò io ero estraniato, nervoso, con una rabbia crescente che sembrava essere stata stappata violentemente come il tappo dello spumante che stavamo bevendo e che molto più di quello mi confondeva, mi faceva bollire il sangue, mi saliva alla testa, mi annebbiava la vista… e pensavo rabbiosamente ai miei genitori.

Questa sensazione non mi abbandonò nemmeno il giorno dopo, gli altri smaltita la sbornia, io non la rabbia, che anzi cresceva, cresceva come una slavina che stava per spazzare non solo l’ultimo, ma anche gli anni precedenti. Andammo a pattinare sul ghiaccio, ridemmo, scherzammo, cademmo, ci rialzammo, ma in tutto questo era come se ci fossero due “me”: uno che partecipava alle iniziative con gli altri e provava a divertirsi, un altro che lo guardava distaccato, dall’esterno, come si trattasse di un qualcuno che già non esisteva più, ricordo di un passato che si ostinava a persistere, come una fata morgana, reale ed evanescente insieme. Una cosa emergeva su tutto, quella frase che mia madre mi aveva urlato in faccia solo poche settimane prima: “TU SEI MIO!”. Se nei confronti di mio padre avevo sempre provato un certo distacco e i nostri caratteri ed interessi erano così diversi da farmi sentire con assoluta certezza che non fosse il mio padre biologico, per mia madre avevo invece sempre avuto un attaccamento morboso, frutto e riflesso di quello che aveva lei per me, ed il cordone ombelicale che non c’era mai stato fisicamente era sempre stato presente, anche se invisibile, emotivamente. E quella frase, con tutto il sottinteso contenuto, l’aveva bruscamente reciso. Io non ero AFFATTO suo. Non lo ero in nessun modo, ne’ fisicamente, perché col corredo genetico di qualcun altro, ne’ emotivamente, perché ero davvero stanco di sentirmi castrato e di dover lottare per ogni singola decisione desiderassi prendere per me stesso ed il mio futuro.

Non avevo potuto decidere o meno di imparare a leggere a 3 anni, di cominciare a suonare il pianoforte a 5, di andare a scuola privata di inglese a 7, di fare il pendolare da Rivarolo a Torino a 10, di rinunciare alla comunità vocazionale a 14, di andare all’Università a seguire una facoltà che odiavo a 20. Non avevo avuto voce in capitolo in nulla, mai. E ne presi consapevolezza con una rabbia che stava rischiando di sfociare nell’odio. No, se c’era una cosa che potevo affermare con certezza, era di non essere figlio loro. Perché non sei genitore quando dai da mangiare, un’istruzione ed un tetto sulla testa a qualcuno; lo diventi quando questo qualcuno viene accompagnato da te su quella strada che è la sua, e sua soltanto, e tu lo aiuti ad essere la persona che è destinato che sia. Solo allora sei un genitore; ed i miei non lo erano. Avevano fatto quello che erano stati in grado di fare, certamente. Ma il senso di perdita di mia madre quando non era riuscita a portare avanti le sue gravidanze, il sentirsi inadeguata ed in qualche modo incompleta come donna e come moglie per il fatto di non avere un figlio, ed il desiderio di mio padre di vederla felice erano tutte cose che erano venute prima di me, ed in qualche modo avevano giustificato la mia presenza in quella famiglia, e tutte le scelte che nonostante me, e non per me, erano state fatte.

In quel 1 gennaio di molti anni fa si consumò, in una innevata vallata alpina, il mio commiato definitivo alla famiglia Borgialli. Non fisicamente, perché avrei trascorso ancora alcuni mesi in quella casa; non legalmente, perché certo non potevo rinnegare la mia storia di 20 anni; ma esistenzialmente, perché da lì in poi cominciai a pensare a me stesso solo in quanto tale, e non come ad un qualcuno “facente parte di”. Molto tempo dopo mi sarei anche riconciliato con questa parte di me; ma sarebbe stata una fase che sarebbe arrivata ad anni di distanza, quando le parti si sarebbero invertite ed in qualche modo da figlio sarei diventato genitore ed i miei da genitori, figli. Ma è un’altra storia, che sarà raccontata un’altra volta.

Autore: hygbor

Lettore compulsivo di fumetti, utente compulsivo di tecnologia, curioso compulsivo di luoghi/ persone: solo x il lavoro non ho particolare interesse compulsivo! Nato il 15/10/1968, per citare il titolo di un film "Una Splendida Annata"! Sono stato adottato, ho scoperto di essere gay, ho vissuto in convento come frate cappuccino per 11 anni... Diciamo che non mi sono annoiato

2 thoughts on “Annus horribilis – Parte terza

  1. Perché non sei genitore quando dai da mangiare, un’istruzione ed un tetto sulla testa a qualcuno; lo diventi quando questo qualcuno viene accompagnato da te su quella strada che è la sua, e sua soltanto, e tu lo aiuti ad essere la persona che è destinato che sia.

    è così difficile…

    • Sì, tutto ciò che ha a che fare con l’educazione, e quindi in primis l’essere genitori, è difficilissimo, perché è complicato scindere il “noi” dal “loro”. Io non sarò mai padre, e per certi aspetti non so se ne sarei capace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...