Volevo vivere come CandyCandy…

Racconti di vita in un caos organizzato


Lascia un commento

Siam tre piccoli frat(ic)ellin… Parte prima: Danilo

Danilo ed io eravamo come il giorno e la notte. Pratico e sanguigno lui, intellettualoide e timido io; bravissimo nei lavori manuali lui, tremendamente impedito io; libero e self-confident lui, impacciato e pieno di complessi io. Con queste premesse, non potevamo che sviluppare una sorta di reciproco senso di inferiorità: lui si sentiva a disagio nei miei confronti, perché io ero quello che “aveva studiato”, e pensava fossi il prediletto di p. Oreste per questa mia (presunta) cultura; io lo vedevo come tutto ciò che avrei voluto essere e non ero, sveglio, capace, attivo… e, soprattutto, SESSUALMENTE esperto.

Sì, perché si presagiva, parlando, che non era arrivato al convento virgineo come il sottoscritto (aveva 3 anni più di me, quindi 23 all’epoca), anche se non è mai stato troppo esplicito con me al riguardo, probabilmente intuendo la mia imbranatagg… volevo dire, inesperienza in materia, e questo lo ammantava, ai miei occhi, di una allure un po’ maiala, che da un lato mi metteva a disagio, dall’altro lo rendeva (inconsciamente) tremendamente sexy.

Trovammo un equilibrio nei nostri caratteri mettendo insieme quello che ci mancava reciprocamente: in sostanza, io divenni la mente e lui il braccio (anche se, devo ammetterlo, era comunque lui il maschio Alpha -non che ci volesse molto eh- e quindi, spesso, imponeva le proprie idee comunque). Col tempo, saremmo diventati amici rispettandoci proprio per le nostre diversità.

In convento, per ovvie affinità, aveva sviluppato un rapporto di amore-antagonismo nei confronti di fra Sergio, che era quello che si occupava di stabilire e distribuire le mansioni pratiche quotidiane. Discutevano di impianti elettrici, lavori nell’orto, pulizie della casa, mentre io li guardavo come si guarda una specie estranea parlare un linguaggio sconosciuto… Inutile dire che questa loro complicità mi ingelosiva tantissimo, buttandomi, ogni tanto, nello sconforto e rischiando di farmi ripiombare in quella sorta di stato depressivo di cui avevo sofferto nelle prime settimane: con loro mi sentivo costantemente inadeguato, e i miei studi mi rendevo conto non servissero assolutamente a nulla.

Come ogni ambiente religioso che si rispetti, anche intorno al nostro convento sfarfalleggiavano alcuni/e giovani, più o meno insoddisfatti/e dell’oratorio locale, piuttosto che attratti/e dalla spiritualità francescana. I due che facevano la parte dei leoni con loro erano p. Roby ed, ovviamente, Danilo. Del primo, con quella sua aria da Obi Una Kenobi, gli occhi furbetti ed il carattere gioviale, abbiamo già detto (vedi “Holy (?) Night”), anche se le ragazze, al contrario delle più o meno attempate signore che frequentavano le messe festive, lo consideravano come un nonno burbero ed affettuoso. Il secondo, sa va sans dire, le attraeva invece col suo fascino sardo, la “erre” un po’ moscia, il suo fare da guascone… mentre io stavo a rosicare tantissimo. Non per le ragazze, beninteso (non capivo bene perché, ma in fondo non mi interessavano molto…), ma per quell’atteggiamento di sfrontata sicurezza che sapevo di non avere e che avrei pagato per riuscire ad ottenere, anche solo in parte.

Mi chiedevo, con atteggiamento un po’ stizzito, un po’ acidulo, se Danilo fosse realmente fatto per la vita conventuale, anche se era chiaro che non avrebbe avuto nessun ostacolo ad accedere al Noviziato… ma solo il tempo avrebbe potuto rispondere a questo interrogativo.